La nostra storia:

Il FOLK CLUB BUTTRIO è un’associazione culturale senza fini di lucro il cui scopo è la promozione della musica popolare, etnica ed acustica internazionale attraverso concerti, seminari ed altre iniziative nella Regione Friuli – Venezia Giulia.

Il FCB è nato nel 1990 per iniziativa di Valter Colle, Nicola Cossar, Andrea Del Favero, Fabrizio Durì e Marco Miconi per la sentita necessità di fornire una continuità annuale di iniziative nell’ambito del folk in aggiunta al grande festival estivo “Folkest”, concentrato nel solo mese di luglio, ed in assenza di un vero folk club in Regione.

La sede è stata fissata in un locale di Buttrio (allora denominato “Al Multilato”, poi “Ca di Balin” ed oggi “Madelsa”) ed è stata messa a disposizione dal titolare di allora, Fabrizio Durì, primo presidente del Folk Club, purtroppo prematuramente scomparso per leucemia nel 1996. Il fratello Vincenzo Durì ha, quindi, assunto la presidenza in quel difficle momento, passando la mano nel 1999 a Marco Miconi, attuale presidente.

Nella sede di Buttrio si sono concentrati i nostri appuntamenti per i primi anni con rare uscite fuori sede, ma la sempre più grande richiesta di iniziative, il consenso ai concerti realizzati ed il desiderio di ‘promuovere’ il folk sul territorio hanno finora portato i concerti del FCB in oltre 40 Comuni della nostra Regione. Fondamentale rimane, comunque, l’attività al Club, se non altro per l’atmosfera che si crea ed il contatto umano tra artisti e pubblico (i concerti al Club sono sempre gratuiti ed aperti a tutti, soci e non soci). 

Il numero dei soci annuali è sempre stato superiore a 100. (associarsi al Folk Club)

Oltre al gran numero di artisti internazionali qualificati che si sono esibiti per il FCB ( Hanno suonato per noi), ricordiamo alcune iniziative particolarmente significative nella nostra storia passata e presente, quali le numerose serate denominate “La mia banda suona il folk” e “Il Fiore e l’Ortica”, dedicate agli artisti della nostra Regione e poi fissate su 2 CD, le rassegne concertistiche “Natale in Musica a Tavagnacco” dedicata alle musiche delNatale (dal 1997), “Gospel Canto Divino” dedicata alla musica spiritual e gospel (dal 1999), “St. Patrick’s Festival” dedicata alle musiche dell’area celtica (dal 1999), “NordSudEstOvest: Quanta Musica!” dedicata alle musiche dei paesi più lontani (dal 2000), nonché specifici progetti legati a tematiche di attualità quali “Il Viaggio di Sigerico” (2000) per il nuovo millennio o il concerto con convegno sulla canzone d’autore (2002) per il terzo anniversario della scomparsa di Fabrizio De Andrè.

 

Nuove importanti iniziative sono già in cantiere…