Questo disco è dedicato alla memoria di Fabrizio Durì, presidente del Folk Club Buttrio, prematuramente scomparso il 3 maggio 1996.

Quando sei anni fa decidemmo di fondare il Folk Club Buttrio non avremmo mai immaginato che in così poco tempo esso sarebbe diventato non solo un indispensabile luogo di ritrovo per gli appassionati di folk da tutta la Regione, ma anche una delle situazioni da concerto italiane più gradite da parte dei musicisti internazionali (per loro stessa affermazione) per l’atmosfera e la competenza del pubblico.
E meno ancora avremmo pensato che nella nostra Regione ci fossero così tanti talenti che suonano folk di qualità, cantano, compongono musica che, quando non è tradizionale, ha comunque radici profonde, siano esse friulane, europee o di qualsiasi altra provenienza.
E così, accanto ai gruppi “storici” del folk locale, vi sono in questo cd altri gruppi alle prime armi (ma già affilate) che si sono rivelati nelle due edizioni della rassegna annuale “La mia banda suona il folk”, organizzata all’interno dell’attività concertistica del Folk Club Buttrio ed aperta anche ad espressioni musicali non friulane.
È un messaggio di universalità, di speranza, di accoglienza che abbiamo oggi la possibilità di testimoniare grazie alla disponibilità di tanti musicisti regionali, al sostegno della Provincia di Udine e del Comune di Buttrio e, specialmente e soprattutto, alla famiglia Durì, che con entusiasmo ci ha aperto le porte del proprio locale, facendone la sede del nostro Folk Club.

(Folk Club Buttrio, 1996)